Febbraio 9, 2023
Italia
Mercati

Bitcoin in calo a giugno: il più grande degli ultimi 11 anni

Bitcoin in calo

Bitcoin in calo, un crollo brutale

Il Bitcoin(BTC) è crollato di oltre il 37,3% a giugno – il più grande calo di prezzo mensile dal 2011 – in un’epica vendita del mercato che ha innescato tagli di posti di lavoro in tutto il settore delle criptovalute e costretto molti di mettere in credito, tra cui Celsius, a bloccare i prelievi ea cercare di mettere in fila i salvataggi finanziari.
La più grande criptovaluta per capitalizzazione di mercato ha chiuso il mese a 19.925 dollari.

 

Bitcoin in caloI timori degli investitori per un forte aumento dei tassi di interesse della Federal Reserve statunitense sono stati uno dei principali catalizzatori del crollo del prezzo del bitcoin, in quanto il 10 giugno il Dipartimento del Lavoro ha pubblicato un rapporto sull’indice dei prezzi al consumo ( CPI), il parametro di riferimento più seguito per l’. Il CPI ha mostrato che l’aumento è aumentato dell’8,6% su base annua nel mese di maggio, il più veloce in quattro decenni.
Il 13 giugno il bitcoin ha registrato il più grande calo in un solo giorno dal marzo 2020, scendendo del 16% a 21.910 dollari. Due giorni dopo, la Federal Reserve ha aumentato i tassi di interesse di 75 punti base, ovvero tre quarti di punto percentuale, tre volte l’incremento tipico della Fed negli ultimi anni.
Il Bitcoin ha mantenuto di prezzo per lo più un livello di 20.000 dollari per il resto del mese, dollari ma è sceso dopo 19.000 dollari.

Crollo di Bitcoin?

BitBull Capital, una società di gestione di fondi di criptovalute, ha previsto un crollo del bitcoin a giugno, con 17.000-19.000 dollari come fascia di prezzo, notando che la criptovaluta ha faticato anche a giugno e luglio del 2021. Il fondo di criptovalute si aspetta che la stabilità del token venga ritestata nelle settimane memorizzate.
“Un retest di successo sembra probabile in questo momento e potrebbe porre le basi per un recupero graduale distribuito su alcuni mesi”, ha detto il CEO di BitBull. “Una rottura di questo intervallo potrebbe vedere il bitcoin scambiato tra i 13.000 e i 15.000 e potrebbe mandare il mercato in una spirale che potrebbe richiedere un periodo di tempo più lungo per il recupero”.

 

Secondo i dati di CryptoCompare, il totale degli asset gestiti dai fondi di criptovalute (AUM) è sceso del 37% nel corso del mese, ovvero a 21,6 miliardi di dollari. Gli AUM dei fondi Bitcoin sono scesi del 34% a 15,9 miliardi di dollari e la media settimanale dei dflussi netti ha raggiunto il massimo storico di 188 milioni di dollari a giugno. (I dati si pronuncia al 23 giugno).
Alcuni analisti, come Joe Orsini, analista finanziario e direttore della ricerca presso Eaglebrook Advisors, sono ottimisti sul fatto che il bitcoin finirà per riprendersi.
“Sono dolori di crescita”, ha detto Orsini. “In fin dei conti, se guardiamo alla storia, il bitcoin ha subito una serie di ribassi, ma ogni volta ha raggiunto nuovi spesso massimi. Quindi la storia non si ripete, ma fa rima, no?”.
Bitcoin in calo

La maggior parte delle altcoin ha chiuso il mese in rosso, nonostante i guadagni occasionali.

Il token MATIC di Polygon è un buon esempio, ha registrato un’impennata del 25% nelle 24 ore successive all’espansione del voto privato nelle organizzazioni autonome decentralizzate (DAO) con Polygon ID, ma ha comunque registrato un calo di oltre il 20% nel corso del mese.
Il token CEL del crypto lender Celsius ha subito un forte calo a metà giugno, scendendo di oltre il 50% poche ore dopo aver annunciato l’interruzione dei prelievi a causa delle “condizioni estreme del mercato”. Il token ha registrato un’impennata in giornata il 21 giugno in un presunto short squeeze che ne ha aumentato il valore di otto volte, ma CEL è ora scambiato più vicino ai livelli di inizio giugno, chiudendo il mese con un calo del 24% rispetto al 1° giugno.

 

Il token FLEX di CoinFLEX ha avuto un andamento simile dopo che la borsa dei cripto-derivati ​​ha sospeso i prelievi il 23 giugno. FLEX è sceso di oltre il 65% in 24 ore. Al 30 giugno, CoinFLEX non ha ancora ripreso i prelievi e il prezzo del suo token è sceso di quasi il 40% a giugno.
Il token nativo di Ethereum, ether(ETH), è sceso del 45% a giugno, scambiando a 1.060 dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.