Novembre 30, 2022
Italia
Politica

Luna le fa amare alle Bermuda

stablecoin

Il crollo di TerraUSD (UST) ha fatto ricredere alcuni investitori sull’acquisto di stablecoin.

La stablecoin algortmica, agganciata al dollaro statunitense, si è rivelata poco stabile e gli investitori in stablecoin nel loro complesso si sono spaventati per il fatto di essere rimasti senza nulla.

Il premier delle Bermuda, David Burt, la pensa esattamente al contrario. In un’intervista ha dichiarato che la sconfitta di Terra evidenzia l’importanza di una buona regolamentazione, confermando il suo obiettivo di fare del suo Paese la patria mondiale degli asset sicuri e innovativi. La recente e drammatica perdita del peg del dollaro di TerraUSD  “è una convalida dell’approccio che abbiamo adottato”, ha detto Burt di recente.

“Quello che le Bermuda vogliono essere è l’hub del mercato globale delle stablecoin, dove vengono emesse in un ambiente regolamentato in modo che gli investitori e i cittadini possano avere fiducia”, ha detto. “Ci sono le stablecoin, ma poi ci sono le stablecoin regolamentate.”

La scorsa settimana è stato annunciato che le Bermuda hanno rilasciato la prima licenza bancaria per gli asset digitali all’istituto locale Jewel Bank, che rappresenta la prima nuova licenza bancaria di qualsiasi tipo rilasciata dalle Bermuda in 21 anni. È stata una lunga attesa, ma Burt spera che i cittadini lo prendano come un segno della serietà e della credibilità della nazione e confidino che la Bermuda Monetary Authority abbia fatto il suo dovere per proteggere i risparmi guadagnati con fatica.

“Il nostro regolatore ha la responsabilità di garantire che nell’aprire questo nuovo terreno [che coinvolge le stablecoin] tutti i rischi siano stati valutati”, ha detto. “Questo potrebbe richiedere più tempo, ma saprete che abbiamo seguito un processo incredibilmente approfondito”.

Jewel

Oltre a essere una banca, Jewel ha in programma di emettere una stablecoin legata al dollaro statunitense nell’autunno di quest’anno, da utilizzare nei mercati finanziari all’ingrosso, a cui potrebbe seguire una moneta ancorata al dollaro bermudiano e poi ad altre valute.

“Gli asset digitali in generale cambieranno il modo in cui il mondo opera”, ha detto Burt. Crediamo che questo sarà certamente il futuro e vogliamo che le Bermuda siano la patria dell’innovazione”.”

L’amministratore delegato di Jewel concorda sul fatto che non è stato un processo facile, anche se Nick Lepetsos ha sottolineato che, come asset emesso da una banca e completamente riservato, la stablecoin proposta ha un modello molto più robusto della versione algoritmica di Terra. Lepetsos ha dichiarato che la procedura per ottenere la licenza di Jewel ha incluso una serie estenuante di domande sulle competenze della società, capitale e la ragione d’essere dell’azienda, ben lontana dalla visione fumettistica di “andare alla motorizzazione, il dipartimento dei veicoli a motore, dove basta iscriversi, mettersi in fila, aspettare un po’ e ottenere la patente”, ha detto.

Pur essendo da tempo un importante centro finanziario, Bermuda è un piccolo territorio e i modelli di business come quello di Jewel dipenderanno dalla capacità di raggiungere mercati più grandi in luoghi come gli Stati Uniti.

Paradiso fiscale

 

Burt non sembra preoccupato dalla prospettiva di essere escluso. I legislatori dell’Unione Europea che stanno valutando il regolamento sui mercati degli asset crittografici (MiCA) hanno proposto di impedire ai fornitori di criptovalute di servire i mercati europei se operano da paradisi fiscali noti. Ciò potrebbe includere luoghi come le Bermuda, che a febbraio sono state aggiunte a una “lista nera” di giurisdizioni fiscali non cooperative dell’UE.

La Commissione europea ha sollecitato un ripensamento dei piani che, a suo dire, potrebbero violare il diritto commerciale internazionale. Ma anche se dovesse emergere una lista nera dell’UE per i territori con regole crittografiche poco rigorose, Burt non sembra preoccupato.

“Direi che se dovessero fare questo tipo di classifica, le Bermuda sarebbero probabilmente in cima alla lista”, ha detto. Tuttavia, per quanto riguarda la regolamentazione, “sappiamo come fare queste cose e quindi non abbiamo paura di ciò che potrebbe arrivare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.